carbone

home / Archivio / Fascicolo / Credito su pegno ed esenzione da revocatoria fallimentare: lacune e un “blunder” della ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Credito su pegno ed esenzione da revocatoria fallimentare: lacune e un “blunder” della recente normativa sul sovraindebitamento

Pierre de Gioia Carabellese, Fellow of Advance HE (York, UK), Professor (full) of Business Law and Regulation (ECU, Perth, Australia) e Professor (full) of Law in England (Huddersfield, UK, 2017), Appointed Professor (full) of Banking and Financial Law at the Beijing School of Technology,
School of Civil and Commercial Law, Notary Public (Edimburgo, UK) ;

Camilla Della Giustina, Dottoressa in Giurisprudenza, Ph.D Candidate in Law

Il contratto di credito su pegno, rimasto quasi intatto per decenni, lontano e distaccato dal codice civile, ha beneficiato più recentemente di nuovi approfondimenti di tipo dottrinale, che ne hanno evidenziato la sua modernità, in termini di “operazione economica”. Sulla scorta di questo retroterra giuridico, il contributo enfatizza lo specifico aspetto delle potenziali incoerenze fra il credito su stima, a voler dare al credito su pegno una nuova terminologia, e dall’altro il micro-sistema giuridico del sovraindebitamento. Dietro ciò si annida il rischio di un potenziale blunder, papera, che può aver commesso, nella sua recente versione sul testo normativo del sovraindebitamento, il legislatore italiano.

 

Pawn agreement and claw-back rules exemption: loopholes and a blunder of the italian legal framework on the over-indebteness

The credito su pegno, or the Italian pawn agreement, a contract still basking in its own original framework of the Thirties of the last century and lying “aloof” withing the Italian legal system, has been recently revamped courtesy of some pieces of scholarly works. Based on this legal background, the paper places emphasis on potential inconsistencies between such a contract, the credito su stima (to put it in a more modern Italian legal jargon), its underpinning philosophy, and on the other hand the “body of law” of the over-indebtedness. The outcome of this perusal is the discovery of the existence of a potential blunder made by the Italian legislature in the latest version of the – already caliginous – concept of over-indebtedness. Ultimately, the legislation on the over-indebtedness in its latest version may drive a coach and horses through the same fundamental, and entrenched, principles of the pawn agreement in Italy. A mistake to be sorted out soon, rather than later.

Keywords: pawn agreement, claw-back rules, exemptions, over-indebtedness, Italian law loophone.

Sommario:

1. Lo stato dell’arte di un contratto “antico” e “moderno”: il credito su stima - 2. L’esenzione da revocatoria fallimentare nel credito su pegno - 3. La disciplina sul sovraindebitamento nella sua recente versione: cenni - 4. I “blunders” del legislatore italiano in tema di sovraindebitamento - 5. Raccordo finale - NOTE


1. Lo stato dell’arte di un contratto “antico” e “moderno”: il credito su stima

Le quattro espressioni prestito, cosa, stima, asta possono essere utilizzate per indicare non solamente un contratto ma anche una tipologia di impresa. Il credito su pegno e il Monte, la “banca” che per definizione eroga tale finanziamento, integra non solo una delle forme più antiche di esercizio dell’attività economica, precisamente di quella bancaria, come anche di offerta al pubblico di quello che è un prodotto bancario, un contratto e una garanzia, al tempo stesso. Il credito su pegno [1] è stato definito, da parte di dottrina autorevole come “credito alla cosa” [2]: in questa definizione è racchiusa una verità significativa, in quanto la cosa, la “roba”, il bene [3], sembrano costituire uno degli elementi essenziali tanto dell’impresa quanto del relativo contratto [4]. Dai contributi sulla teoria dell’intermediazione bancaria degli anni ’80 [5], emerge [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. L’esenzione da revocatoria fallimentare nel credito su pegno

Connaturato al pegno e alla sua funzione fortemente tuzioristica per il creditore è la esclusione dell’applicazione della normale procedura concorsuale [42] nel caso di fallimento del prestatario [43]. La banca è autorizzata a escutere il bene senza dover promuovere una domanda di ammissione al passivo e può attivare il soddisfacimento del proprio credito in autotutela, secondo le modalità di cui al microsistema della Legislazione del 1938/1939 [44]. Il credito su pegno non è un credito basato sul merito di credito del debitore, ma sul valore della cosa. Sarebbe illogico, difatti, chiedere al creditore di presentare do­manda di insinuazione al passivo, concorrendo con creditori bancari, che però hanno valutato in anticipo il merito di credito del debitore e dunque il potenziale concorso di altri creditori. Il credito su pegno è pegno sulla cosa, ed è su quella cosa, debitamente stimata, che il creditore [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. La disciplina sul sovraindebitamento nella sua recente versione: cenni

Il “nuovo” “Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza [60]” preordinato ad attuare una riforma complessiva delle procedure concorsuali consiste in un consistente corpo normativo formato da 391 articoli che avrebbe dovuto entrare in vigore il 16 agosto 2020 [61], successivamente fatto slittare al 1° settembre 2021 per approdare quale data finale, almeno al momento attuale, di entrata in vigore il 16 maggio 2022 [62]. In relazione a questo continuo susseguirsi di rinvii circa l’entrata in vigore della disciplina contenuta nel Codice della crisi di impresa, parte della dottrina ha avanzato la tesi, secondo cui, questa sospensione dell’entrata in vigore possa tradursi in una definitiva non entrata in vigore [63]. Volendo addentrarsi nel dettaglio di quelle che dovrebbero essere le disposizioni del Codice della crisi, si segnala che, la conversione in legge di quello che è stato definito come [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


4. I “blunders” del legislatore italiano in tema di sovraindebitamento

I più recenti provvedimenti che, nel nuovo istituto del sovraindebitamento, estenderebbero al credito su pegno la possibile proposta del debitore, vi è il rischio che la Legislazione del 1938/1939 venga fraintesa, sia nella sua portata sia nella sua specificità. A condizione che il credito su pegno, anche nella più recente costellazione del sovraindebitamento, venga riferito a quello di cui alla Legislazione del 1938/1939, si ritiene che il legislatore italiano deve essere incorso in un abbaglio. Egli, difatti, sembra non aver percepito le specificità della transaction in esame, quale operazione in cui l’oppegnorante, appunto, non può considerarsi propriamente debitore [76]. Questa peculiarità del credito su pegno, ergo la necessità che la cosa non sia in alcun modo attaccata dal fallimento dell’oppegnorante, non sempre è compresa in dottrina, ma nemmeno dal legislatore. È noto che [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


5. Raccordo finale

Eppur si muove, il credito su pegno italiano, ma in modo graduale, pur in assenza di rivoluzioni. Un articolato, quello normativo del 1938 e 1939, emanato addirittura nel vigore del codice civile del 1865, in cui riecheggia non casualmente il concetto di “prestito”, in luogo del più contemporaneo “finanziamento”, caro al codice civile del 1942, che non solo non necessita di modifiche, salvo quelle manutentive, ovvero di abrogazioni, ma che, proprio per il suo essere antico, sembra insegnare al legislatore italiano, ma contemporaneo, come si debba procedere, in tema di normativa privatistica e societaria, a legiferare, in modo bilanciato, con il giusto connubio fra tradizione e progresso. L’insegnamento del Legislatore del 1938/1939 sembra essere stato del tutto dimenticato negli ultimi decenni, come insegna proprio la legislazione in tema di garanzia, incluse quelle personali. Esse tramite il ricorso a modelli che nemmeno derivano da una [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio