formulario DPO

home / Archivio / Fascicolo 3-4 - 2018


Fascicolo 3-4 30/08/2018

leggi fascicolo indice fascicolo

DOTTRINA

Diritti soggettivi senza sovranità (a proposito di bail-in, cram-down e altro)

L’A. si chiede se il credito possa essere ancora considerato come un diritto soggettivo. Il dub­bio sorge perché le nuove discipline per la soluzione delle crisi d’impresa tutelano interessi anche diversi e in parte contrapposti a quelli dei creditori, per arrivare, in alcuni casi, a “espropriare” il ti­tolare della pretesa d’alcuni tradizionali ...
di Giuseppe Terranova (Professore di Diritto commerciale nell’Università di Roma "La Sapienza")

Il ruolo dei soci nella ristrutturazione finanziaria dell'impresa alla luce di una recente proposta di direttiva europea

Il lavoro, che riproduce la relazione tenuta nel corso del XVII Congresso internazionale di diritto commerciale e di diritto marittimo Sainz de Andino, organizzato il 6 ottobre 2017 presso l’Università di Huelva, è dedicato alla memoria di Michele Sandulli. Il lavoro si occupa del ruolo dei soci nell’ambito delle procedure concorsuali: dopo aver delineato la ...
di Giuseppe Ferri jr (Professore di Diritto fallimentare nell’Università di Roma "Tor Vergata")

Executory contracts in italian law: the current situation and the global "rordorf reform"

This is the updated text, with the addition of the footnotes of the presentation given at The City Law School – City University of London on April 6th 2017, during The Inaugural Cross-Border Corporate Insolvency and Commercial Law [CI&CL] Research Group Conference & Simposium 2017 dedicated to the Treatment of Executory Contracts in Insolvency Law: a Comparative ...
di Rolandino Guidotti (Associate Professor of Business Law at the University of Bologna (Italy), School of Law)

L'affaire "popolari venete" e il modello italico di gestione delle crisi bancarie. Ricadute applicative e profili di incoerenza sistemica

Il processo di “aggiustamento in corsa” che ha riguardato la configurazione delle misure intraprese per il salvataggio di Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca è risultato alquanto caotico e ha suscitato non poche polemiche. Potevano essere configurabili altre strade per proteggere i possessori di obbligazioni senior, i depositi dei risparmiatori e i livelli ...
di Luigi Scipione (Ricercatore di Diritto commerciale e Professore aggregato di Diritto bancario dell’Unione europea presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Napoli "Federico II")

Riflessioni sulla tutela d'urgenza del diritto di accesso alla documentazione sociale ex art. 2476, 2° comma, c.c.

Il lavoro affronta il tema della tutela d’urgenza del diritto di accesso alla documentazione sociale ex art. 2476, 2° comma, c.c., con particolare attenzione alle questioni concernenti la natura e l’attuazione delle misure cautelari adottabili.
di Ignazio Zingales (Professore associato di Diritto processuale civile nell’Università degli Studi di Catania)

La tutela giurisdizionale nella liquidazione giudiziale

Il presente scritto riprende i temi trattati nella Relazione tenuta al Convegno, organizzato da SISCO a Firenze il 4 e 5 maggio 2018, su “La riforma della crisi di impresa e dell’insolvenza tra legge delega e bozze di proposte attuative: valutazioni e proposte”. Sono state aggiunte essenziali note di riferimento. L’Autore analizza – con riferimento alla liquidazione ...
di Achille Saletti (Ordinario f.r. di Diritto processuale civile dell'Università di Milano)

Il codice della crisi e dell'insolvenza: ovvero prove tecniche di requiem

 Il presente lavoro è destinato alla Raccolta di studi in memoria di Michele Sandulli. La legge delega n. 115/2017, proponendosi la riforma integrale delle procedure concorsuali, ha dettato alcune nuove direttrici di marcia anche in materia di concordato preventivo. È noto che, a partire dalla decisione n. 1521/2013 delle Sezioni Unite della Cassazione, si è formata una ...
di Umberto Apice (già Avvocato Generale presso Corte di Cassazione)

Il ruolo dei creditori, tra emersione della crisi d´impresa e governo della società insolvente

Comunicazione redatta per il Convegno sul tema “Preventive Restructuring” e Procedura di allerta nella Legge Delega di riforma delle procedure concorsuali, organizzato il 19 gennaio 2018 dalla Redazione partenopea della Rivista Il diritto fallimentare e delle società commerciali, nel corso del quale è stato presentato il volume di S. DE ...
di Pietro Paolo Ferraro (Professore aggregato di Diritto Commerciale nell’Università della Campania "Luigi Vanvitelli")

Concordato preventivo: chi decide della fattibilità?

L’Autore esamina alcuni aspetti della nuova L. n. 155/2017 sull’insolvenza aziendale. In particolare, l’attenzione è focalizzata sulla composizione pre-fallimento, principalmente come un modo per promuovere la continuità delle società in difficoltà ma ancora vitali. Andando di contrario avviso alla giurisprudenza appena assestatasi, la riforma ...
di Michele Vietti (Professore straordinario di Diritto Commerciale nell’Università degli Studi Internazionali di Roma)

GIURISPRUDENZA - OSSERVATORIO DELLA GIURISPRUDENZA E DELLA LEGISLAZIONE

Gli effetti per il fallimento del giudicato ottenuto nel giudizio proseguito dal fallito

Cassazione, Sez. I, 23 maggio 2018, n. 12854 – Pres. Genovese – Rel. Pazzi
di Antonio Carratta

Procedura di insolvenza transfrontaliera ex Regolamento CE n. 1346/2000 ed effetti sui giudizi pendenti

Corte di Giustizia UE, Sez. IX, 6 giugno 2018, causa C-250/17 – Pres. Vajda – Rel. Jürimäe
di Antonio Carratta

Appellabile la revoca (a seguito di opposizione) della dichiarazione di insolvenza nell'amministrazione straordinaria

Cassazione, Sez. I, 6 giugno 2018, n. 14630 – Pres. Didone – Rel. Ceniccola
di Antonio Carratta

Notificazione a mezzo p.e.c. della sentenza di rigetto del reclamo ex art. 18 L. Fall. e decorrenza dei termini brevi per impugnare

Cassazione, Sez. I, 13 giugno 2018, n. 15408 – Pres. A. Didone – Rel. P. Vella
di Antonio Carratta

La Risoluzione del contratto di vendita è opponibile al curatore solo se la relativa domanda è stata trascritta prima della dichiarazione di fallimento

Cassazione, Sez. I, 27 aprile 2018, n. 10294 – Pres. Didone – Rel. Vella
di Livia Marcinkiewicz

Il valore probatorio del rapporto ispettivo dell'Autorità di Vigilanza nel processo civile

Cassazione, Sez. I, 30 maggio 2018, n. 13679 – Pres. Cristiano – Rel. Lamorgese
di Bruno Inzitari

Spetta al giudice del lavoro la cognizione delle domande di impugnazione del licenziamento, di reintegrazione nel posto di lavoro e di accertamento della misura dell'indennità risarcitoria dovutagli

Cassazione, Sez. lav., 21 giugno 2018, n. 16443 – Pres. Patti – Rel. Lorito
di Livia Marcinkiewicz

Contrasta con il divieto di bis in idem la condanna per bancarotta fraudolenta patrimoniale per distrazione di un imprenditore già assolto da precedente imputazione per il delitto di appropriazione indebita

Cassazione penale, Sez. V, sentenza 15 febbraio 2018, n. 25651 – Pres. Fumo – Est. Settembre
di Alberto Aimi

È assoggettabile a fallimento la start-up innovativa che perde uno dei requisiti previsti dall´art. 25, 2° comma, D.L. n. 179/2012, prima della scadenza dei cinque anni dalla costituzione

Tribunale di Udine, 22 maggio 2018 – Est. Gianmarco Calienno
di Elena Depetris

Circolari sulle nuove incompatibilità inserite dal D.Lgs. 18 maggio 2018, n. 54

GIURISPRUDENZA - PRINCIPALI NOTE ED OSSERVAZIONI A SENTENZA

Risoluzione del concordato preventivo e legittimazione a promuovere istanza per la dichiarazione di fallimento

Il lavoro, prendendo spunto dalla recente decisione della Corte costituzionale del 25 ottobre 2017, analizza la tematica della legittimazione a promuovere istanza per la dichiarazione di fallimento, in generale e in relazione all’ipotesi della risoluzione del concordato preventivo.
di Domenico Bonaccorsi di Patti (Dottore di Ricerca in Diritto dell’Economia)

Il risarcimento del danno da perdita su crediti nei giudizi di responsabilità nei confronti di amministratori e sindaci di banca

La quantificazione del danno da irregolare concessione di credito da parte degli organi sociali della banca costituisce il tema principale sul quale si incentrano la sentenza del Tribunale di Catania e la pronuncia della Suprema Corte in commento. Tuttavia, il profilo relativo all’individua­zione del criterio di quantificazione del danno finalizzato a ristorare il soggetto che ha subito ...
di Francesco Garofalo (Dottorando di ricerca in Scienze giuridiche nell'Università degli Studi di Messina)

La responsabilità di amministratori e sindaci nel caso Cirio: una sentenza ammonitrice

La nota prende spunto dal provvedimento del Tribunale di Roma per soffermarsi brevemente sulla responsabilità degli amministratori nominati per il risanamento dell’azienda, su quella degli amministratori privi di deleghe e su quella dei sindaci per esaminare, infine, il criterio di quantificazione del danno applicato dal provvedimento in commento.  
di Leonardo Vecchione (Avvocato in Roma)


  • Giappichelli Social